Il disco cromatico a 12 parti

da | 9 Giu, 2017 | Il linguaggio dei colori

La teoria strutturale dei colori studia le leggi degli effetti cromatici. Riflessione e studio delle regole e delle strutture quale veicoli che supportano la creazione.

Ovviamente non sono la creazione stessa o l’arte. Ma l’essenziale conoscenza per chi si muove in un campo che si esprime attraverso il colore.

La sensibilità intuitiva opera su un piano molto alto che conduce al regno metafisico d’irrazionalità che nessun numero è in grado di definire.

Il cerchio cromatico a 12 parti

Il cerchio cromatico a 12 parti

Il disco cromatico a 12 parti

La conoscenza della teoria strutturale dei colori ha inizio dal cerchio cromatico a 12 parti, partendo dai 3 colori primari: giallo. rosso, blu.

La percezione cromatica è in grado di individuare un rosso assolutamente distinto dal blu e dal giallo, un giallo altrettanto distinto dal verde e dal rosso, un blu distinto dal verde e dal rosso.

Colori primari

I 3 colori primari sono disposti dentro un triangolo equilatero in modo che il giallo stia in alto, il rosso in basso a destra e il blu in basso a sinistra. Nel cerchio in cui è posto il triangolo si sviluppa un esagono, ottenendo altri 3 triangoli in cui si dispongono i composti ottenuti dai colori primari combinati a 2 a 2, ricavando così i 3 secondari:

  • giallo+rosso=arancio
  • giallo+blu=verde
  • rosso+blu=viola.

Colori secondari

I 3 secondari devono avere equilibrio, per evitare che tendano verso l’uno o l’altro colore primario. La pratica dimostra che i secondari si ottengono solo con difficoltà. L’arancio non deve essere ne troppo rosso ne troppo giallo, il viola ne troppo rosso ne troppo blu, il verde ne troppo giallo ne troppo blu.

Intorno al triangolo è tracciato il cerchio diviso in 12 settori uguali. I colori primari e secondari occupano i settori prossimi al triangolo, lasciando un settore vuoto ogni 2.

Colori terziari

In questi vuoti porremo i colori terziari, risultanti dalla combinazione di un primario con un secondario, e che sono:

  • giallo+arancio=giallo-arancio
  • rosso+arancio=rosso-arancio
  • rosso+viola=rosso-viola
  • blu+viola=blu-viola
  • blu+verde=blu-verde
  • giallo+verde=giallo-verde

La rappresentazione che ne deriva è un anello diviso in 12 parti uguali, in cui i colori occupano posti irreversibili e si susseguono secondo l’ordine dell’arcobaleno e dello spettro. I 12 colori sono equidistanti fra loro e li opposti sono complementari.

Non è difficile aver presente con esattezza questi 12 colori e inserire al giusto posto le singole variazioni. Andare oltre i 12 colori non è utile perché difficilmente diventa una rappresentazione realistica e una traduzione visiva chiara e definita quindi proficua.

Il cerchio cromatico è la base della conoscenza della teoria del colore. Senza le basi non si costruiscono le altezze!

Gioia di vivere di Henri Matisse

Gioia di vivere di Henri Matisse

Il linguaggio dei colori

Ho pensato di affrontare questo argomento per condividere la conoscenza della teoria del colore. Ogni artista, grafico o pittore, deve assolutamente conoscere ogni segreto di ogni colore e ogni relazione che c'è tra di loro. Come esaltarne la forza o esprimere dolcezza. Armonia o disarmonia. Con capacità e consapevolezza. L'approssimazione, tanto di moda in questo periodo, non deve appartenere ad un professionista serio. In un progetto di comunicazione visiva il linguaggio dei colori è una competenza fondamentale!

Per approfondire seriamente ti consiglio di acquistare il libro in versione ridotta o in versione integrale (solo in inglese)

- 3,30 EUR
L'arte del colore. Ediz. ridotta
L'edizione originale dell'"Arte del colore", pubblicata per la prima volta nel 1961, era il frutto dell'attività di una vita intera dedicata al colore. Una summa delle intuizioni, delle scoperte e delle esperienze di un pittore e di un formidabile didatta. Già mentre sceglieva le tavole da inserire nell'opera maggiore, Johannes Itten lavorava al progetto di una "piccola teoria del colore". Intendeva condensare le leggi e le possibilità espressive del colore in un libro ridotto, indirizzato prevalentemente agli studenti e a tutti i lettori appassionati di questa affascinante tematica. Alla morte dell'autore, Annaliese Itten fu incaricata di selezionare dodici tavole dell'edizione originale per una mostra itinerante sul Bauhaus. A partire da questa selezione, ha preso forma definitiva questa edizione ridotta, che raccoglie e distilla le lezioni sul colore, sul suo uso e le sue infinite combinazioni, portando a compimento la "piccola teoria" voluta e progettata da uno dei più influenti maestri del Bauhaus.

L'Autore

Antonella Colombo

Creativa, visionaria e incosciente! Mi occupo di comunicazione soprattutto visiva ma anche di strategia e project management. La mia formazione in pittura all'Accademia di Belle Arti di Brera mi ha lasciato competenze artistiche, l'amore per l'arte e le prime nozioni digitali. Mi ispiro da sempre a Sofonisba Anguissola, pittrice del Cinquecento.

Il libro di una vita di studio di Johannes Itten

- 3,30 EUR L'arte del colore. Ediz. ridotta 18,70 EUR

VUOI OTTENERE PIÙ RISULTATI?

“Se non sei tu la risposta a una esigenza, lo sarà il tuo concorrente”








Vuoi cambiare e raccogliere più risultati?