Fare branding. Ok, ma cosa vuole dire?

da | 10 Ago, 2017 | Branding

Il brand è il patrimonio simbolico che viene evocato da un logo

È un concetto che vale per le aziende, per le associazioni, per i territori, per le città, per i personaggi pubblici, per un partito politico. È una regola che si applica in ogni campo: culturale, politico, commerciale, istituzionale e personale.

Ogni giorno diamo forma alla nostra attività con un duro lavoro. Ma non sempre il pubblico percepisce quello che noi vediamo di noi stessi. Questo perché spesso siamo disattenti a ciò che il nostro pubblico percepisce di noi. Costruire il giusto messaggio che porta a dare valore positivo e una buona reputazione alle nostre attività quotidiane è un compito che deve essere svolto in modo professionale e con competenza.  Sono le due faccie che rendono la nostra medaglia di valore.

Fare branding significa dare visibilità all’insieme di valori, suggestioni e idee che il pubblico percepisce quando vede il nostro logo. Per cominicare, però, non dobbiamo confonderci tra identità grafica e brand!!!

Cos’è un logo?

Il logo è il simbolo grafico. Ma non è il brand.

Il termine logo (abbraviziaone di logotipo) deriva dal greco λόγος logos e significa parola e  τύπος typos che significa lettera ed è l’identità grafica che rappresenta un’azienda, un prodotto, un servizio, un’ente, un gruppo musicale e altro che si vuol rappresentare in forma grafica attraverso un simbolo, un lettering, e dei colori. Una identità grafica unica che ci rappresenta in modo sintetico, efficacemente semplice, irripetibile e riconoscibile. Un marchio.

Il logo non è il brand

Il logo non è il brand

 

Il logo è la raffigurazione grafica da cui parte un’emozione; da cui parte l’immagine che si ha quando si guarda quel determinato segno grafico.

Come faccio a costruire il mio brand?

Per fare branding bisogna cominciare ad individuare il processo con cui si costruisce quello che le persone pensano di te, della tua azienda, del tuo prodotto, della tua associazione e dei tuoi servizi Una strategia che deve raggiungere l’obiettivo….  Un processo che non puoi controllare ma che puoi influenzare.

E mi piace l’idea, presa da un video che ho visto di The Future, in cui viene rappresentato graficamente il processo che aumenta la percezione della capacità di grande amatore del personaggio maschile.

Lui sostiene di essere un ottimo amante.

Fare marketing

Fare marketing

Si sparge la voce e ci sono i testimonial che sostengono la tesi del grande amatore.

Pubbliche relazioni

Pubbliche relazioni

Ma è sempre bene farsi della buona pubblicità

Fare pubblicità

Fare pubblicità

Ma solo quando è lei a dire che sei un buon amante allora sì, questo è branding

Fare branding

Fare branding

Il processo di crescita della riconoscibilità, della reputazione e del valore del tuo brand consiste in una serie di attività e azioni  e sono sempre le stesse che tu debba fare branding per un’azienda, un personaggio pubblico un’associazione o un prodotto/servizio:

  • scrivere quali sono i tuoi valori, le tue compentenze, i tuoi punti di forza;
  • individuazione del logo e della tua identità globale;
  • a chi ti rivolgi;
  • il tono di voce;
  • packaging adeguato e uniformato alla tua identità;
  • scelta delle immagini con cui comunicare il tuo brand con messaggio anche sui social;
  • avere un sito internet moderno, responsive, intonato alla tua identità;
  • produrre contenuti nel blog in modo fluido e continuo e sempre in linea con la tua identità e valori che vuoi evidenziare;
  • avere cura dei tuoi clienti o dei tuoi sostenitori perché la loro esperienza sia positiva;
  • non smettere di prendersi cura dei clienti anche dopo la vendita o dei tuoi sostenitori dopo una donazione perché continui il loro sostegno nel tempo e ti aiutino a diffondere la tua buona reputazione e quindi l’aumento della tua capacità attrattiva.

Fare branding ha, come risultato finale, quello di attirare potenziali clienti o sostenitori che ti possono conoscere e anche apprazzare ma che poi rimangano convinti promotori.

E l’attrattività è l’arma più efficace della comunicazione

Fare branding ha un’importanza strategica. Il nostro brand è la qualità con cui viene percepita la nostra realtà. E più è attraente più cresce la nostra attività.

  • Il brand di un territorio ha una buona immagine? Sì. Allora attira turismo
  • Il brand di una nazione ha una buona idea del mondo del lavoro? Sì. Allora attira investimenti e persone che vogliono contribuire alla crescita ma al proprio benessere.
  • Il brand di un personaggio pubblico ha una buona reputazione? Sì. Allora sarà seguito e imitato.
  • Il brand di un’associazione o fondazione è percepito come onesto e laborioso: Sì. Allora attirerà più fondi.
  • Il brand di un’azienda è visto come innovatore e di buona qualità? Sì. Allora le persone faranno la file per comprare i suoi prodotti.

Smetti di fare branding smetterai di attrarre!

I flussi commerciali e culturali e i sistemi relazionali legati alle persone, alla ricerca, allo sviluppo, ai capitali, all’insegnamento, alla politica, al turismo vivono sul principio di attrattività. Le persone vogliono e non vogliono, comprano o non comprano! Punto.

L’acquisto, l’appartenenza, il voto dipendono ovviamente dall’offerta ma molto dipende dall’immagine. Dalla reputazione. Dal grado di attrattività!

Costruire l’immagine è un lavoro strategico e  complesso.

Riuscire a dare un buon valore e una efficace attrattività al nostro brand è un lavoro lungo, quotidiano, di dedizione: disciplina e costanza. Storie lunghe da far traspirare in un racconto che vedono il loro apice nel simbolo, nel brand. Il valore del brand è dato dalla qualità della comunicazione: un lungo lavoro che racconta un patrimonio e restituisce un’immagine. Un lavoro costante e attraente.

Come funziona l’attrazione verso un brand?

Ci sentiamo attirati e coivolti da un fascino invisibile ma che riporta a come il brand parla, a come si rappresenta, al suo grado di trasparenza, al suo aspetto. Deve stupire, avere personalità, emozionare, creare emozione e feeling. Deve creare un legame forte e leale con il suo pubblico.

Il brand è il legame unico e irripetibile che fa da ponte tra il concetto e il consumatore con un profondo focus nella progettazione del business.

Siamo attratti anche perché ci sentiamo parte di qualcosa di più grande. Ci sentiamo parte di un gruppo di persone con lo stesso vissuto identitario.

Perché il brand non è proprietà dell’azienda o dell’Istituzione ma è patrimonio delle persone.

L'Autore

Antonella Colombo

Creativa, visionaria e incosciente! Mi occupo di comunicazione soprattutto visiva ma anche di strategia e project management. La mia formazione in pittura all'Accademia di Belle Arti di Brera mi ha lasciato competenze artistiche, l'amore per l'arte e le prime nozioni digitali. Mi ispiro da sempre a Sofonisba Anguissola, pittrice del Cinquecento.

VUOI OTTENERE PIÙ RISULTATI?

“Se non sei tu la risposta a una esigenza, lo sarà il tuo concorrente”








Vuoi cambiare e raccogliere più risultati?